di Emilio Garofani

Desidero fare oggi con Voi un momento di riflessione su ciò che è stato e ha rappresentato per noi tutti l’appuntamento in cui abbiamo celebrato e “rivissuto” i trent’anni compiuti dall’ALCLI “Giorgio e Silvia”. Un appuntamento che alla fine ci ha raccontato una storia, lunga, intensa, emozionante, piena di tanto significato e azione concreta. Siete stati veramente in tanti a raccogliere e onorare il nostro invito, partecipando e rendendolo davvero speciale. Con ognuno di voi abbiamo potuto condividere la gratificazione e le riflessioni sul lavoro di tanti anni, portato avanti con determinazione e convinzione in maniera assolutamente volontaria, frutto di quei sentimenti profondi che caratterizzano e sono propri di ogni componente dell’ALCLI. Più volte ci è stato chiesto quale fosse il “metodo ALCLI”, cosa ci fosse alla base di tanta partecipazione, affetto e apprezzamento. Mi sono spesso interrogato se esistesse davvero qualcosa di costruito dietro a questo nostro meraviglioso viaggio al fianco di coloro che soffrono. Sono giunto ad una conclusione semplicissima: non esiste alcun metodo, né studiato né da studiare. Il nostro agire è fondato su un semplice concetto espresso da una magica parolina, amore! Questa è la nostra stella polare, il filo conduttore del nostro stare insieme e accanto alle persone che si trovano nel bisogno a causa della malattia. Ovviamente, un’associazione come la nostra, nel corso degli anni, ha avuto bisogno di organizzarsi per essere efficiente ed efficace: questo è quello che potrebbe essere definito “il metodo ALCLI”. Abbiamo “disegnato” la nostra struttura in maniera tale che ognuno sappia cosa fare: i Soci rappresentano il fulcro, l’organo che indirizza e vigila sull’operato del Consiglio Direttivo ai cui membri è demandato il compito di guidare l’Associazione. Tale organizzazione ha conferito all’ALCLI concretezza nell’aiuto quotidiano agli assistiti e loro famiglie, soddisfacendo i loro bisogno a 360 gradi. Pian piano, attraverso il sostegno dei nostri soci e volontari, sono stati realizzati splenditi progetti, raggiunti insperati traguardi e attivati tanti servizi importanti per la collettività e per le istituzioni, con particolare riferimento a quelle sanitarie: servizio trasporti, assistenza domiciliare, ospitalità presso la Casa di Accoglienza e donazioni di attrezzature e risorse umane, medici ed infermieri, ai presidi ospedalieri. Tutto ciò è stato possibile grazie all’affetto e alla fiducia di tutti voi e realizzato nella massima trasparenza e correttezza, consapevoli del nostro ruolo ma anche dei nostri doveri. Il nostro agire è illustrato, in maniera dettagliata, sul sito web, che conta ben 38.000 visitatori l’anno ovunque nel mondo a testimonianza di un interesse diffuso e sempre crescente verso la nostra “piccola” Associazione.
Desidero confermare il nostro impegno per il futuro e, con questa certezza, vi saluto con affetto!