di Emilio Garofani

Sono passati diversi mesi dal confronto con i tanti Soci, Amici e Sostenitori che hanno partecipato all’ultima Assemblea dell’ALCLI tenutasi il 22 aprile 2016 presso la Casa di Accoglienza. Nel rispetto della massima trasparenza e condivisione desideriamo dar conto del nostro operato. Questo è il primo momento utile per raggiungervi attraverso il nostro giornalino, considerando che il numero in programma per la fine del mese di agosto è stato soppresso a causa delle ben note e tristi vicende legate al terremoto nel nostro territorio. Infatti, i nostri magnifici volontari sono stati impegnati su più fronti già dalle prime ore di quell’indimenticabile 24 agosto 2016; ancora oggi, presso la Casa di Accoglienza, sono ospitate famiglie con problemi oncologici provenienti dai luoghi maggiormente colpiti, ricevendo tutto l’affetto possibile e amorevole aiuto.

Tornando all’assemblea dei Soci, quello che è emerso con chiarezza è stato il tanto lavoro profuso nel rispetto più alto e vero dei valori fondanti il mondo del volontariato: numerose persone coinvolte nel solo spirito della solidarietà. Una storia lunga quella dell’ALCLI che, vicinissima ai 30 anni di ininterrotta attività, ha molto da raccontare: un intenso cammino nella sofferenza che tanto sollievo e conforto ha saputo donare. Un ruolo che, giorno dopo giorno, è divenuto indispensabile per le tante persone e famiglie interessate dalla malattia, che hanno riconosciuto nei nostri volontari il saper fare e il saper essere.
Tutti i servizi offerti, nel rispetto della missione e finalità dell’ALCLI, hanno riscontrato l’apprezzamento dei soci, dai quali è chiaramente emerso l’invito a proseguire nell’azione ritenuta essenziale e di riferimento per una risposta concreta alle problematiche oncologiche e, più in generale, relative alla Sanità reatina.
L’ALCLI, infatti, considerate le persistenti difficoltà in cui versa il nostro unico Ospedale sul territorio, si è caricata sulle spalle le criticità riguardanti sia la mancanza di personale nei reparti di riferimento, provvedendo direttamente al sostentamento economico di medici, tecnici ed infermieri, sia fungendo da punto di riferimento per un monitoraggio costante sulla precaria situazione e da anello di congiunzione nel rapporto tra Istituzioni e Cittadini .
Purtroppo dobbiamo riscontrare che ad oggi, nonostante i risultati conseguiti e i pericoli comunque sventati, non possiamo ritenerci assolutamente soddisfatti. La strada sembra essere ancora lunga e piena di difficoltà verso la definitiva messa in sicurezza del nostro ospedale, luogo in cui pretendiamo che i cittadini debbano trovare una risposta completa ed efficace ai loro problemi di salute. Per questo ci siamo da sempre impegnati e lo continueremo a fare in futuro!
Ed è proprio con uno sguardo positivo e pieno di speranza verso il futuro che si è insediato, eletto dall’Assemblea dei Soci, il nuovo Consiglio Direttivo dell’ALCLI “Giorgio e Silvia”.

Al termine delle elezioni sono risultati eletti per il prossimo triennio 2016/2019:

Presidente

Santina Proietti

Vice Presidente

Emilio Garofani

Segretario

Maria Stella Cornacchiola

Tesoriere

Francesca Ulizio

Consiglieri

Carla Petrangeli, Eleonora Nobili, Silvia Pirri, Caterina Silvestri e Francesco Puglielli

Un sentito ringraziamento, unitamente ad un sincero sentimento di gratitudine va ai Consiglieri uscenti Giuseppina Orsolillo e Fabrizio Pacifici, colonne storiche dell’Associazione che tanto hanno prodotto e tanto ancora sapranno dare in futuro con ruoli e mansioni diverse.
E’ stato anche confermato ed integrato nei suoi membri, da parte dell’Assemblea dei Soci, per lo stesso triennio, il Comitato Scientifico. Detto Organo, operante al fianco del Consiglio Direttivo con funzione consultiva nella valutazione di progetti medico-scientifici, risulta oggi cosi composto:

Coordinatore

Fabrizio Pacifici (Commercialista)

Membri

Don Fabrizio Borrello (Parroco, guida Spirituale ALCLI), Vincenzo Capparella (Oncologo), Roberto Brucchietti (Anatomo Patologo), Lucia Sollazzo (Counsellor, professionista avanzata, docente e formatrice ASPIC, specialista in counseling oncologico), Patrizia Santilli (Medico di medicina Generale specializzata in cure Palliative), Mauro Santarelli (Radioterapista), Walter Valentini (Nefrologo), Fabrizio Liberati (Anatomo Patologo).

A tutti gli incaricati ad un ruolo di responsabilità nell’Associazione, va ribadito l’augurio di un sereno e proficuo lavoro nello spirito della sussidiarietà e solidarietà, da svolgere con il massimo impegno e trasporto nei confronti di quanti si trovino nella condizione di debolezza a causa della malattia. Possano attingere, dalla vicinanza di tanti nuovi Soci, Amici e simpatizzanti, la forza di guidare questa meravigliosa squadra di volontari nell’azione quotidiana.

Nella pace del Natale vi abbraccio affettuosamente.