LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SOCIO SANITARIO NELLA XXI GIORNATA DEL SOLLIEVO PRESENTI ANCHE ASSOCIAZIONI DI TERNI, BITONTO, TRICASE. IL PRESIDENTE NAZIONALE DELLA FONDAZIONE GHIROTTI:  “E’ UNA GIOIA ESSERE QUI MI SENTO COME A CASA”.

Una grande ripartenza per il volontariato reatino socio sanitario ritrovatosi insieme week end appena trascorso, nella sala conferenze della Casa di accoglienza dell’ALCLI per la XXI Giornata Nazionale del Sollievo promossa dalla Fondazione Gigi Ghirotti con il patrocinio del Ministero della Salute, della Conferenza delle Regioni e della Province autonome.

Un pomeriggio che ha mostrato il volto solidaristico di un territorio grazie alle tante associazioni di volontariato che operano con grande spirito di unità e sinergia, condividendo esperienze, obiettivi , iniziative finalizzate a “ dare sollievo” e a rimettere la persona malata al centro.

La Giornata si è aperta sulle note di Bach con il trio d’archi “David” e i saluti della Presidente dell’ALCLI, Santina Proietti alla platea di associazioni di volontariato :

Questa è la Casa di tutti, dobbiamo ripartire tutti insieme, facendo rete e, rimanendo uniti, potremo essere più efficaci ed incisivi nell’alleviare la sofferenza”.

Accolto con un caloroso applauso l’intervento del Presidente Nazionale della Fondazione Gigi Ghirotti, il direttore di TV 2000 Vincenzo Morgante che ha esordito dicendo:

E’ una gioia essere qui, mi sento a Casa. Non era scontato arrivare alla XXI Giornata ; dopo due anni ricominciano a vivere con tante iniziative come questa in tutta Italia ”.

Il Presidente ha quindi ripercorso la storia del giornalista de La Stampa, Gigi Ghirotti per poi ricordare tutte le azioni della Fondazione tese alla diffusione della cultura del Sollievo che hanno coinvolto, oltre al mondo della Sanità le scuole, le categorie professionali, le amministrazioni dei territori. Particolarmente incisiva e di stimolo l’azione della Fondazione anche a livello ministeriale e legislativo.

A raccontare l’attualità del messaggio di Ghirotti anche il Consigliere nazionale della Fondazione, il Dott. Mario Santarelli:

dalle parole di San Camillo de Lellis – più cuore in quelle mani fratello – si arriva al messaggio di Ghirotti sull’importanza del rapporto medico-paziente, della formazione del personale, dell’umanizzazione delle strutture sanitarie che cosi come sono state pensate nel passato, spesso tendono “ mortificare” il paziente”nel corpo e nello spirito . Da qui l’esigenza di una partecipazione, nella fase di progettazione, anche da chi li andrà ad “abitare”, cioè operatori e pazienti.

La spiritualità ce l’abbiamo tutti ed è diversa dalla religione – ha detto Don Fabrizio Borrello, Direttore della Caritas – ; il sollievo ha una dimensione etica, lo sentiamo nella nostra coscienza, siamo spinti a dare sollievo. Qual è il nostro concetto di persona? Per Gesù è tutto, contro le leggi del tempo, curò una persona di sabato. Occorre donare qualcosa di sé, qualcosa che è in noi ed imparare ad ascoltare veramente”.

A chiudere gli interventi dei relatori, la Dott.ssa Marianna Brollo che lavora da molti anni presso l’Hospice di Rieti. Ha ribadito che le cure palliative – sono una carezza per chi soffre – , una cura globale che implica necessariamente una equipe multidisciplinare.

Il luogo migliore per fare cure palliative è la casa – afferma la Dott.ssa Brollo – poi l’ambulatorio, l’Hospice e naturalmente l’Ospedale che con l’importante legge 38 si deve dotare di una figura di medico palliativista anche in ambiente ospedaliero. Abbiamo sofferto in pandemia perché ci è mancata la comunicazione come la intendiamo noi e abbiamo bisogno di sanitari formati per dare sollievo e grazie alle legge del dicembre 2021 verrà realizzata la Scuola delle scure palliative e presto avremo degli specializzandi”.

Ospiti della Giornata alcune associazioni extraprovinciali come Associazione Umbra per la lotta contro il cancro, I Pagliacci di Terni, le Fondazioni Santi Medici di Bitonto ( Bari) Cardinal Panico di Tricase ( Lecce).

Presenti quasi tutte le associazioni di volontariato socio sanitario di Rieti che in un crescendo emozionale hanno raccontato la propria attività e le iniziative per dare sollievo, dando Uno spaccato importante di una Rieti dal cuore grande

Le conclusioni sono state affidate al Vice Presidente dell’ALCLI, Emilio Garofani:

Oggi abbiamo scritto una bella pagina, abbiamo fatto una cosa buona. Questa ampia partecipazione è una dimostrazione d’affetto da parte di tutti voi. Le associazioni unite rendono grande questa città.

Sono emersi molti spunti di riflessione e lancio la proposta di fare ogni anno, come centro Italia, un incontro tra tutte le associazioni unite nel segno del Sollievo”.

Dopo la consegna del libro “Fiori di Campo” scritto dalla bambina Silvia ( di cui l’associazione ALCLI ricorda il nome) al Presidente Morgante, la XXI Giornata del Sollievo si è chiusa con la musica e un momento di convivialità

Associazioni presenti:
ALCLI, FONDAZIONE GIGI GHIROTTI , AIDO, ANGELI IN MOTO, AMAR, ANMIC , ASSOCIAZIONE UMBRA PER LA LOTTA CONTRO IL CANCRO, AVIS, ASSOCIAZIOEN BITONTO, ASSOCIAZIONE TRICASE,CARITAS, CITTADINANZA ATTIVA, LILT, CLUB LYONS INTERNATIONAL , MENSA DI S.CHIARA, MUSIKOLOGIAMO,RIETI CUORE , DIABETE APS, PASTORALE SALUTE, PAGLIACCI DI TERNI, ROTARY , UNITALSI , CESV.